Mani
 
 
Declino cognitivo,
le donne più coinvolte degli uomini:
Alzheimer e menopausa fra le cause
A cura di
Logo StampaSalute
Clicca sul logo per connetterti al Sito
 
 
 

Sabato 21 Aprile 2018

si è celebrata la Giornata Nazionale

della Salute della Donna

DECLINO COGNITIVO, PERCHÉ LE DONNE SONO PIÙ COINVOLTE?  
Con l’aumentare dell’aspettativa di vita, il declino cognitivo e lo sviluppo di demenze sono diventati argomenti di sempre maggiore importanza e urgenza.
 
Nello specifico uno studio italiano ha evidenziato come le donne, nell’arco della loro esistenza, siano esposte a un rischio Alzheimer quasi doppio rispetto agli uomini. «Questo dato, che in parte viene spiegato dalla maggiore longevità delle donne, è anche da attribuire a fattori genetici e a un più basso grado di scolarizzazione - spiega Vincenzo Di Lazzaro, Professore Ordinario e Direttore della Neurologia del Policlinico Universitario Campus Biomedico di Roma che aggiunge - Le donne si trovano non solo ad affrontare la malattia di Alzheimer da pazienti, ma per via del ruolo che da sempre rivestono nella società, sono anche direttamente coinvolte nella gestione e nell’assistenza dei familiari affetti da questa forma di deterioramento cognitivo. È stato infatti rilevato che circa il 60-70% dei pazienti affetti da demenza viene assistito da soggetti di sesso femminile (il cosiddetto caregiver), che affronta con il paziente il difficile percorso della malattia, con tutte le problematiche individuali e sociali che ne derivano».  
 
LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO CLICCANDO QUI